Azioni pratiche, Marketing e vendite

Cos’è il Mystery Client

Quante volte sarà capitato di chiedersi: “Chissà come si comportano i miei collaboratori quando nessuno li osserva…”. Non per mancanza di fiducia, ma semplicemente per osservare in che cosa li si potrebbe aiutare o correggere senza demotivarli o farli sentire sbagliati.

Per ovviare a tutto questo si sta diffondendo ultimamente un servizio molto utile, chiamato “Mystery Client” (o Mystery Shopper). Il Cliente  Misterioso, come dice la parola stessa, è un professionista che finge di essere un cliente (o un potenziale cliente) per osservare determinati fattori concordati con il titolare dell’azienda.

Di solito gli aspetti più interessanti su cui ci si sofferma sono:

–          Capacità di accogliere bene il cliente, mostrandosi gentili, sorridenti, disponibili per ogni richiesta. Questo sia al telefono (se l’azienda non ha contatti diretti col cliente) che di persona.

–          Abilità nel comprendere le esigenze del cliente e nel fornire spiegazioni esaustive. Velocità ed efficacia nell’elaborare (ed eventualmente inviare) preventivi oppure offerte specifiche.

–          Tempistica ed efficacia nel richiamare il cliente (o potenziale cliente) per verificare l’interesse verso l’offerta fatta

–          Capacità di fissare incontro presso il cliente (o presso la propria azienda) per concretizzare la richiesta e trasformarla in ordine.

Ovviamente da questa griglia generale se ne costruisce sempre un più adatta alle caratteristiche dell’azienda ed ai fattori che il titolare vuole evidenziare.

Se si tratta di un’attività di vendita al dettaglio ci si sofferma più sull’osservazione di elementi esterni (quali l’ordine e la pulizia degli ambienti), mentre se si tratta di un’azienda di servizi ci si focalizza maggiormente su quelli “intangibili” (quali la cortesia, la preparazione tecnica, la velocità nel rispondere alle esigenze manifestate dal cliente).

La società incaricata di eseguire l’azione di Mistery Client, al termine di questo lavoro, redige un report, evidenziando in maniera molto analitica i punti di forza e di debolezza emersi, al fine di intervenire in maniera chirurgica sull’elevamento dello standard aziendale.

In questo modo anche le azioni formative risultano più efficaci, poiché intervengono sull’esatta necessità dell’azienda e non su un miglioramento generico delle risorse umane.

A distanza di qualche mese viene ripetuta l’azione di Mistery Client per verificare definitivamente se i punti di debolezza emersi inizialmente sono stati gestiti e risolti.

Per ulteriori informazioni: Società di Mystery Client

Annunci

Informazioni su Fabrizio Cotza

Sono un BusinessMan Angel, ovvero affianco imprenditori, manager e professionisti nella gestione della loro attività. Ho fondato e dirigo due società di consulenza e formazione, All Winners e Formazione Sovversiva. Dal 2009 sono Presidente del Network di aziende eccellenti Winner Group. Ho fondato nel 2015 Happy Academy, un progetto senza fine di lucro che aiuta i ragazzi ad inserirsi nel mondo del lavoro. Ho scritto "Per fortuna c'è la crisi!" e il "Libro SalvaVita". Contatti e maggiori informazioni: www.fabriziocotza.com f.cotza@all-winners.it

Discussione

3 pensieri su “Cos’è il Mystery Client

  1. Ciao, io sono Mystery shopper da alcuni anni e mensilmente vado a fare visite alla levis, alla apple, da Mc Donalds, alla puma ecct. Mi sono dovuto impegnare per essere più preciso nei commenti e nell’osservazione. Poi però funziona molto bene e guadagno alcuni soldi.
    Volevo dirti che sarebbe utile fare una cosa simile anche per verificare i clienti di aziende che non vendono al dettaglio, una specie di Benchmarking ma molto più preciso nelle risposte.
    Secondo te si potrebbe creare un servizio per le aziende bresciane che le aiuti a fare Mystery Client, per dare una marcia in più alle nostre aziende? Prova a sentire anche Paolo e mi piacerebbe avere una tua isposta.
    ciao e grazie

    Pubblicato da andrea | 01/09/2011, 15:26
    • Ciao Andrea,
      noi già lo facciamo con numerose PMI, nostre clienti. Quindi la risposta è sì, con ottimi risultati e precise indicazioni. Va solo strutturato meglio all’inizio, concordando col cliente alcune modalità.
      Con Paolo non ne ho mai parlato, ma secondo me coinvolgendo Tao:Polis come struttura si potrebbe tranquillamente fare.
      Grazie e a presto!

      Pubblicato da Fabrizio Cotza | 01/09/2011, 15:33
  2. Ciao Andrea, ciao Fabrizio: ottima idea! Parliamone, sicuramente ci saranno molte realtà interessate.

    Pubblicato da paoloborzacchiello | 03/09/2011, 16:21

Lascia una tua Riflessione o Testimonianza

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog Stats

  • 63,525 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: