Archivio articoli

basi fondamentali

Questo tag è associato a 7 articoli.

Come creare una PMI – Suggerimenti pratici

Nel  precedente articolo ipotizzavo il desiderio di un giovane appassionato lettore di libri di creare una libreria nella propria cittadina; una piccola impresa che nascerebbe in omaggio alla grande passione del piccolo imprenditore.

Ipotizzavo anche – in chiave molto realistica – che nella cittadina del nostro giovane aspirante libraio già vi fossero tre librerie ben avviate, e che – dunque – aprire una quarta libreria generalista in un bacino d’utenza relativamente ristretto potesse costituire un’operazione economica foriera più di probabili perdite che di profitti.

I lettori si mettano nei panni di questo giovane aspirante libraio e si pongano questo interrogativo: come farei se volessi intraprendere quest’attività in un piccolo mercato già saturato da tre importanti competitori?

Alcuni suggerimenti..

Continua a leggere

Annunci

Come creare una PMI – Considerazioni preliminari

E’ una costante dei nostri tempi, in special modo nel nostro Paese: le idee sono molte, i soldi molti meno e vanno investiti con efficienza.

La nostra idea di business, quella che può cambiare la nostra vita e quella dei nostri collaboratori, per diventare successo e benessere per tutti ha bisogno di attraversare una fase fondamentale;  superata tale fase essa si trasformerà in fatturato e flussi finanziari; la nostra idea dev’essere correttamente sviluppata.

Continua a leggere

Come fare marketing efficace a costo zero

Quando parliamo di marketing vi sono da fare delle distinzioni molto importanti, a seconda che ci si rivolga a clienti già attivi piuttosto che a potenziali clienti.
Un’attività poco diffusa è per esempio quella di raccogliere ed utilizzare i nominativi dei clienti che in passato hanno già utilizzato i nostri servizi. Questa “banca dati” rappresenta una vera e propria miniera d’oro che, se ben sfruttata, darebbe immediati ritorni a fronte di investimenti minimi.
Per esempio è stato studiato che semplicemente contattando tramite mail o sms tutti i clienti della banca dati il fatturato di un professionista aumenta in media del 15% nei successivi tre mesi.

Continua a leggere

Come si fa un Organigramma funzionale

Partiamo innanzitutto dal comprendere meglio cos’è realmente un organigramma. E per farlo dobbiamo prima dire cosa non è.

Un organigramma non è un foglio con delle caselline e dei nomi dentro. Un organigramma non è una cosa da fare per l’ISO e da tenere poi dentro al cassetto. Un organigramma non è una cosa statica.

Un organigramma in realtà è uno schema di accordi tra le persone che lavorano in azienda. Per questo motivo non può essere fatto in autonomia dal titolare o, peggio, da un consulente che si limita a suddividere flussi e mansioni senza aver prima incontrato nessuno. Deve essere fatto coinvolgendo prima i responsabili intermedi, e comprendendo come davvero potrebbe esserci un accordo sia verticale che orizzontale sui risultati da ottenere.

Continua a leggere

Perché la reputazione è data dallo standard qualitativo

Lo “standard qualitativonon è, come spesso si è portati a pensare, la qualità “media” di ciò che viene fatto o fornito ad un cliente. Lo standard qualitativo è in realtà spesso legato alla peggiore performance, poiché è quella di cui si ricorda il cliente.

Un perfetto esempio è dato dai fast food più famosi, in cui viene servito sempre lo stesso tipo di panino, a prescindere dal luogo in cui lo mangiamo e dall’operatore che ci lavora. Se ci capitasse di mangiare un panino avariato, anche solo una volta ogni cento panini, la percezione di quella catena di fast food sarebbe legata a quell’unico panino che ci ha intossicati, e non più ai 99 che abbiamo trovato mediamente buoni.

Per un’azienda o un professionista è molto meglio fornire prestazioni sempre uguali, anche se non eccezionali, piuttosto che prestazioni molto diverse tra loro, poiché inevitabilmente la reputazione si legherà a quella peggiore.

Continua a leggere

Blog Stats

  • 69.955 visite
Annunci