Ultimi articoli

Gli “Asintomatici” in azienda.

In ambito aziendale bisogna sempre stare attenti agli asintomatici.

Qualche esempio:

– Collaboratori scontenti, che non lo danno a vedere con il proprio titolare, ma che si lamentano quotidianamente con i colleghi, “contagiando” la loro insoddisfazione.

– Clienti che stanno valutando di cambiare fornitore, ma che non hanno mai manifestato apertamente la possibilità di andarsene.

– Soci in conflitto silenzioso tra loro, ma che non litigano e non si scontrano, limitandosi a farsi una guerra sotterranea.

In poche parole l’asintomatico è più pericoloso perché non sembra pericoloso. Quindi rimane col problema ma soprattutto contagia tanti altri, senza che nessuno possa intervenire.

Credo che anche in questa situazione si stia sottovalutando il ruolo di chi non manifesta sintomi, e per questo non rientra in nessuna statistica e in nessuna tabella ufficiale, impattando però in maniera determinante sugli altri.

Senza che ne abbia neppure lui consapevolezza.

È anche un messaggio metaforico per l’intero genere umano, per farci riflettere su ciò che è più pericoloso nelle relazioni umane, nei rapporti professionali e nelle dinamiche comunicative.

Basti pensare a coloro che hanno seri disturbi psicologici, ma per il mondo sembrano perfettamente normali (uno studio di qualche anno fa rilevò che molti speculatori finanziari, per avere successo, dovevano avere determinate psicosi, apparentemente asintomatiche).

Ecco, in questi casi è bene che la malattia si manifesti, affinché sia curabile o, quanto meno, arginabile.

Il rischio più grande è non vederne immediatamente gli effetti, permettendo che il virus continui a diffondersi incontrastato.

La matrice della pericolosità

Leggi altri articoli

  • Il tempo è la risorsa più importante per un imprenditore. E, solitamente, quando una risorsa è rara si è portati ad usarla con parsimonia. Eppure questo non sempre accade nell'utilizzo del tempo. Nel frequentare centinaia di imprenditori ho constatato quanti sono i modi in cui, paradossalmente, viene sprecata questa grande e limitata risorsa. Eccone alcuni: - Parlare di collaboratori inefficienti o negativi con altre persone, illustrando nei dettagli tutti i motivi per cui non crediamo più in loro, senza però fare niente per gestire concretamente la situazione. (altro…)
  • Se è vero che gli ultimi anni non sono stati facili per nessuno, va anche detto che aziende che hanno accumulato grossi debiti in realtà hanno anche fatto macroscopici errori imprenditoriali (il più delle volte passati inosservati e quindi reiterati). Innanzitutto cerchiamo di definire meglio il concetto di "grossi debiti" e poi analizziamo quali possono essere le vere cause. I debiti di un'azienda andrebbero rapportati non al fatturato ma all'utile medio. Se si sono accumulati 100 mila euro di debiti su un fatturato di 1 milione di euro dovrei sapere in quanto tempo potrei risanare la mia situazione, in base al margine vero (e non a quello di contribuzione). Ad esempio, se il margine vero è del 10% mi occorrerebbe circa un anno per appianarli (i 100 mila di debito sul milione di euro di fatturato). (altro…)
  • Per tutti coloro che gestiscono altre persone ed hanno deciso di intraprendere un personale percorso di crescita e di auto-miglioramento quello degli "Specchi Umani", che esporremo qui di seguito, è un concetto davvero prezioso. Nel comprenderlo pienamente si avrà infatti una chiara risposta alla domanda: "Perché sono circondato in azienda da persone che si comportano in questo modo?" oppure "Come mai li trovo tutti io quelli che si rivelano essere diversi da come pensavo?". La mente razionale ovviamente rifiuta la spiegazione che tra poco vi verrà data, poiché non permetterà più di scaricare sugli altri ciò che invece dovremmo principalmente vedere in noi stessi. Attenti quindi se la prima reazione emotiva sarà di fastidio o di difesa. Per i più coraggiosi e per i meno razionali si rivelerà infatti uno strumento prezioso per comprendere i messaggi che la vita ci offre tutti i giorni. (altro…)

Scopo del Sito

Gli Imprenditori che gestiscono PMI negli ultimi anni hanno dovuto affrontare difficoltà enormi e totalmente nuove, che ne hanno minato prima la passione e successivamente i risultati operativi. La verità è che oggi non ci si può più improvvisare. Ecco quindi a cosa servirà questo sito: a rispondere a qualunque domanda in merito all’avvio o alla gestione di una PMI di successo. Per contatti o richieste dirette: info@all-winners.it

Vuoi ricevere un aggiornamento costante sui migliori articoli di gestione aziendale?

Iscriviti gratuitamente alla Newsletter del Professionista del Futuro, I tuoi dati saranno riservati e non verranno mai ceduti a terzi. In ogni momento potrai cancellarti dalla nostra lista, con un semplice click.

Clicca per iscriverti a questo sito. Riceverai notifiche sui nuovi articoli tramite e-mail e potrai usufruire dei vantaggi riservati agli iscritti.

La frase del giorno:

E’ MEGLIO ACCENDERE UNA CANDELA CHE LAMENTARSI DELL’OSCURITA’ (Confucio)

Archivio Articoli

Aggiornamenti Twitter

Questo sito è a cura di Fabrizio Cotza

Fabrizio è un BusinessMan Angel ovvero di colui che supporta l’imprenditore al fine di rendere redditizia l’azienda.

Per Contattare Fabrizio Cotza

f.cotza@all-winners.it

Blog Stats

  • 75.531 visite